poche parole sulla polemica innescata dal prof. Dal Lago con il suo “saggio”, “Eroi di carta”. Poche parole perché ormai ho imparato a risparmiarle di fronte alle idiozie. Ciò che Saviano ha commesso di imperdonabile è violare, secondo il prof, il patto tra lettore e scrittore, mischiando le carte senza esplicitare quando l’io narra la fiction come autore, quando l’io è la fiction e ciè il personaggio e quando l’io del libro è luomo, testimone e autobiografo di Roberto Saviano.

la domanda è?

Io sono lo scrittore e secondo te dal lago vengo a chiedere il permesso a te, professore, su come trattare il mio lettore e su che dimensione far muovere gli “io” che ho a disposizione? ma stiamo scherzando? Qui ormai ognuno apre bocca e gli da fiato Dall’alto di quale autorità parte una critica del genere?

Boh non ho parole. Scriviamo ma avvertiamo i lettori prima. Si tratta di fiction eh? Scherzavamo.